Biblioteca di Roiano


Vai ai contenuti

Nuovi arrivi

Titolo: Oltre l'inverno

Autore: Isabel Allende

Genere: Narrativa contemporanea

 

La grande narratrice cilena Isabel Allende ritorna con una storia di amori, politica, dittature e fughe. Con Oltre l’inverno, la scrittrice del successo mondiale La casa degli spiriti ambienta il suo romanzo negli Stati Uniti, dove la diffidenza e il dolore attutiscono tutto. Così accade a Lucia che è dovuta fuggire dal Cile di Pinochet per andare in Canada e da lì è iniziata una vita segnata dalla sofferenza. Così quando si apre lo spiraglio di poter andare sei mesi a Brooklyn come professoressa in un’università americana, Lucia dice di sì. Andare a New York le farà bene per dimenticare il suo matrimonio fallito e per riprendere in mano la sua vita dopo un brutto cancro dal quale è uscita miracolosamente sana e salva. All'università la donna incontra Richard, un uomo che deve dimenticare cose altrettanto brutte e inverni che gli hanno lasciato cicatrici indelebili. L’esistenza di Lucia si intreccerà alla sua e il dolore di quest’uomo, che deve ancora affrontare la morte dei due figli e il suicidio della moglie, segnano uno spartiacque nella loro vita. Il sole sembra però essere giunto nelle loro esistenze mal messe. Ma all'improvviso arriva a New York la nevicata del secolo e Richard e Lucia si trovano bloccati in mezzo al nulla e sommersi dalla neve con Evelyn, una ragazza con la vita altrettanto sgangherata e anche lei in fuga. In Oltre l’inverno di Isabel Allende il tutto si complicherà con l’assurdo ritrovamento in auto di un cadavere e le storie di questi tre personaggi destinate a salvare da una vita che non perdona.

 

Titolo: Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone

Autore: Maurizio De Giovanni

Genere: Gialli

 

Un uomo di circa sessant’anni viene trovato privo di sensi in un cantiere edile a Pizzofalcone; con sé non ha documenti né un cellulare. Trasportato in ospedale, lo sconosciuto entra in coma senza che nessuno sia riuscito a parlargli. Di far luce sull’episodio sono incaricati i Bastardi, che identificano la vittima dell’aggressione: un americano in vacanza a Sorrento con la sorella e l’anziana madre, una diva di Hollywood ora affetta da Alzheimer e persa nei ricordi di un lontano passato. Recandosi a più riprese nella cittadina del golfo, fuori stagione vestita da un fascino malinconico, i poliziotti si convincono che la chiave del mistero sia da ricercare in fatti accaduti molti anni prima proprio in quel luogo magico, quando l’ex attrice si trovava lì per girare un film. In un susseguirsi di colpi di scena le cose si complicano, tanto più che il lavoro della chiacchierata squadra investigativa partenopea incrocia di nuovo quello del sostituto procuratore Buffardi, punta di diamante della Dda e rivale in amore di Lojacono. Al di là degli aspetti criminali, però, la soluzione del caso farà emergere una storia intensa, struggente, dai risvolti imprevisti. E coinvolgerà i protagonisti sul piano personale più ancora che su quello professionale.Un intrigo familiare tra gli anni Sessanta della dolce vita e i giorni nostri, tra Napoli e Sorrento. Una vicenda amara e pervasa di nostalgia che costringerà i Bastardi a indagare in “trasferta”: nello spazio e nel tempo.

 

Titolo: Le tre del mattino

Autore: Gianrico Carofiglio

Genere: Narrativa contemporanea

 

"Le tre del mattino" di Enrico Carofiglio è la storia di un incontro obbligato, di quarantotto ore che un padre e un figlio sono costretti a passare insieme. Antonio e suo padre hanno un rapporto contrastato, un rapporto che si basa su attese insoddisfatte, sull’idea che uno ha di non rendere mai felice e orgoglioso l’altro. Antonio va al liceo, ma non riesce a brillare in niente, è apparentemente senza interessi e non riesce a stringere amicizia con nessuno. O almeno questo è quello che crede di lui suo padre che è invece un uomo celebre nel suo ambiente e che fa il matematico di successo. Dopo un passato di crisi epilettiche del ragazzo, un dottore francese decide di sottoporlo ad un test finale per capire la situazione medica di Antonio e verificare che ne sia uscito completamente. Si tratta di un test di scatenamento. Per questo in un giugno caldo dei primi anni Ottanta, la coppia taciturna atterra a Marsiglia, una città ancora scompigliata, dalle vie sporche e dal cuore bello e amaro in cui i due uomini saranno costretti a conoscersi una volta per tutte. Per superare questo test medico infatti Antonio dovrà stare sveglio per quasi due giorni, senza addormentarsi mai. E allora, in "Le tre del mattino" di Gianrico Carofiglio, non rimane che girare per Marsiglia, conoscerne i quartieri più malfamati e affascinanti, distrarsi con i cantanti di strada giù al porto e finalmente scoprirsi davvero.

 

Titolo: Nessuno può volare

Autore: Simonetta Agnello Hornby

Genere: Narrativa contemporanea

 

Simonetta Agnello Hornby è una scrittrice, una donna forte che ha scritto storie strane e bizzarre. Il perché ce lo racconta in "Nessuno può volare", un memoir e un racconto molto personale di una famiglia, la sua, che di normale non sembra avere proprio niente. I ricordi di un’infanzia circondata da tante persone diventano, nelle parole di Agnello Hornby, piccoli e unici ritratti, frammenti di una storia e pezzi di un puzzle. In Nessuno può volare ci sembra di vivere dentro questa famiglia, coccolati, ma anche avvolti nelle sue trame. C’è la cugina sordomuta Ninì, la bambinaia ungherese Giuliana che si prendeva cura dei piccoli della famiglia, nonostante la sua gamba zoppa. Poi c’era la prozia Rosina, che soffriva di cleptomania e che rubava di nascosto le posate d’argento dai cassetti. Ogni personaggio è descritto nella sua quotidianità, nei momenti di vita famigliare e tra loro compare Simonetta, arriva in silenzio, osserva e riporta agli occhi del mondo e agli occhi del lettore. Sono storie di un tempo passato e tra queste fa capolino anche George, che a quindici anni scopre di avere la sclerosi multipla, ma non smette mai di amare la vita, di apprezzarla giorno dopo giorno, attimo dopo attimo. Ogni cosa, ogni luogo prende forma in modo diverso, trasformandosi e plasmandosi sullo sguardo e sui sensi di Simonetta Agnello Hornby. Dopo aver letto "Nessuno può volare" ogni cosa è diversa, più forte, intensa e i personaggi che compongono le nostre singole famiglie diventano attori di una scena perpetua che è la vita.

 

Titolo: Fiori sopra l'inferno

Autore: Ilaria Tuti

Genere: Gialli

 

"Fiori sopra l’inferno" di Ilaria Tuti è un esordio letterario coinvolgente e straripante di bellezza per come questa scrittrice friulana tratteggia la sua protagonista piena di rabbia e tenerezza, coinvolta in ogni suo caso fino al midollo. Teresa Battaglia è un commissario di polizia. Di esperienza ne ha tanta alle spalle, ma stavolta si rende conto che qualcosa di diverso sta accadendo, qualcosa che potrebbe sconvolgere per sempre la sua esistenza. Teresa Battaglia è vicina alla pensione, combatte contro il diabete e i primi sintomi di un Alzheimer precoce. Questa guerriera sovrappeso e piegata dalla fatica, intensa come solo chi ha sofferto davvero può essere, si trova a dover fare un nuovo profiling di un assassino, ma la sua mente ha cominciato a tradirla sempre di più ed a tratti perde la lucidità. L’unica cosa che riesce a percepire, forte e chiara, è la sensazione di paura e di pericolo che si avvicina sempre di più a lei e le strazia l’anima. Nei boschi tra le vicine montagne è accaduto qualcosa di tremendo e Teresa sente che quello è solo l’inizio di qualcosa di tremendo. Un assassino si aggira tra le sue montagne e il commissario di Polizia Battaglia deve fare del suo meglio per rimanere lucida e salvare più vite possibile. Ne vale la pena. Per sopravvivere a se stessa e alla sua dignità. "Fiori sopra l’inferno" di Ilaria Tuti è un thriller forte e appassionante, dove il ritmo dei passi che si incamminano sopra le montagne rocciose tiene il lettore incollato alla pagina.

 

Titolo: In viaggio contromano. The leisure seeker

Autore: Michael Zadoorian

Genere: Narrativa contemporanea

 

Poche storie, Ella e John hanno deciso: partiranno. Chi se ne frega dei divieti e delle ansie dei figli, al diavolo medici, paramedici, rompiscatole che ti ammorbano a suon di esami prescrizioni precauzioni. Ella ha più problemi sanitari di un paese del Terzo mondo, John non ricorda come si chiama sua moglie, ma insieme "formano una persona intera". Di cose grandiose, se ne possono fare anche all'ultimo round. Anche dopo una vita che non ha nulla di straordinario. E allora? Si parte e stop. In barba a ogni cautela, ogni pallosa ragionevolezza, a ottant'anni suonati Ella e John balzano sul loro camper - un vecchio Leisure Seeker - e attraversano l'America da Est a Ovest. Partendo da Detroit, puntano dritti a Disneyland, lungo la mitica Route 66. Un vero e proprio viaggio contromano a base di cocktail vietati, hippies irriducibili, diapositive all'alba, malviventi messi in fuga. Un inno alla Strada, un caleidoscopio di paesaggi strepitosi e cittadine fantasma, ansie, sogni,paure; quello che è stato, che si è amato, quel che è qui e ora e più non sarà... perché la vita è profondamente nostra, teneramente, drammaticamenteìgrande, fino all'ultimo chilometro.

 

Titolo: Hotel Silence

Autore: Audur Ava Ólafsdóttir

Genere: Narrativa contemporanea

 

Jónas ha quarantanove anni e un talento speciale per riparare le cose. La sua vita, però, non è facile da sistemare: ha appena divorziato, la sua ex moglie gli ha rivelato che la loro amatissima figlia in realtà non è sua, e sua madre è smarrita nelle nebbie della demenza. Tutti i suoi punti di riferimento sono svaniti all'improvviso e Jónas non sa piú chi è. Nemmeno il ritrovamento dei suoi diari di gioventú, pieni di appunti su formazioni nuvolose, corpi celesti e corpi di ragazze, lo aiuta: quel giovane che era oggi gli appare come un estraneo, tutta la sua esistenza una menzogna. Comincia a pensare al suicidio, studiando attentamente tutti i possibili sistemi e tutte le variabili, da uomo pratico qual è. Non vuole però che sia sua figlia a trovare il suo corpo, e decide di andare a morire all'estero. La scelta ricade su un paese appena uscito da una terribile guerra civile e ancora disseminato di edifici distrutti e mine antiuomo. Jónas prende una stanza nel remoto Hotel Silence, dove sbarca con un solo cambio di vestiti e la sua irrinunciabile cassetta degli attrezzi. Ma l'incontro con le persone del posto e le loro ferite, in particolare con i due giovanissimi gestori dell'albergo, un fratello e una sorella sopravvissuti alla distruzione, e con il silenzioso bambino di lei, fa slittare il suo progetto giorno dopo giorno...Auður Ólafsdóttir ha scritto il suo romanzo piú bello, il piú essenziale, tenero e ironico. Un libro che è un segno di pace, una stretta di mano laica che ci riavvicina a quanto di umano dentro di noi resiste agli orrori del mondo.

 

Titolo: Il morso della reclusa

Autore: Fred Vargas

Genere: Gialli

 

Il commissario Jean-Baptiste Adamsberg è costretto a rientrare prima del tempo dalle vacanze in Islanda per seguire le indagini su un omicidio. Il caso è ben presto risolto, ma la sua attenzione viene subito attirata da quella che sembra una serie di sfortunati incidenti: tre anziani che, nel Sud della Francia, sono stati uccisi da una particolare specie di ragno velenoso, comunemente detto reclusa. Opinione pubblica, studiosi e polizia sono persuasi che si tratti di semplice fatalità, tanto che la regione è ormai in preda alla nevrosi. Adamsberg, però, non è d'accordo. E, contro tutto e tutti, seguendo il proprio istinto comincia a scandagliare il passato delle vittime.

 

Titolo: La cercatrice di corallo

Autore: Vanessa Roggeri

Genere: Narrativa contemporanea

 

Achille e Regina si incontrano per la prima volta nell'estate del 1919, di fronte alle acque spumeggianti di una Sardegna magica. Regina dona ad Achille un rametto di corallo rosso come il fuoco, il più prezioso, con la promessa che gli porterà fortuna. Anni dopo, quella bambina è diventata una delle più abili cercatrici di corallo; quando si tuffa da Medusa, il peschereccio di suo padre, neanche l'onda più alta e minacciosa la spaventa. Lei è come una creatura dei mari ed è talmente libera da non avere mai conosciuto legami. Finché, un giorno, la sua strada si incrocia di nuovo con quella di Achille: nel viso di un uomo ritrova gli occhi del ragazzino di un tempo. A travolgerli non è solo un sentimento folle, ma anche un passato indelebile. Le loro famiglie, infatti, sono legate a doppio filo da rancori e vendette ed è in corso una guerra senza ritorno. Spesso non basta l'amore per cambiare un destino che sembra già scritto. Ma l'unico modo di scoprirlo è provarci, fino all'ultimo... "La cercatrice di corallo" di Vanessa Roggeri richiama la shakespeariana tragedia di Romeo e Giulietta in salsa sarda con una storia d’amore che supera ogni conflitto e ogni avversità. Nello scenario di bellezza, umiltà e aridità della Sardegna nascono Achille e Regina. Le loro famiglie si odiano da sempre e il conflitto sembra inasprirsi di generazione in generazione e quello sembra essere il destino che toccherà inesorabilmente anche a loro due. Ma Achille e Regina si incontrano per la prima volta nel 1919 in una giornata calda d’estate, in riva al mare. Sono solo due bambini, ma gli occhi blu di Regina colpiscono Achille e con il passare degli anni rimarranno scolpiti nel suo cuore di ragazzo e di adulto. Proprio in riva al mare, la bambina regala ad Achille un ramoscello di corallo, promettendogli che gli porterà tanta fortuna e che non dovrà mai separarsi da lui. Questo è solo l’inizio di una tragedia, di due mondi vicini eppure così opposti che si contrappongono, facendosi del male. La faida tra le due famiglie sembra essere insormontabile e a pagarne saranno Achille e Regina che saranno subito separati l’uno dall’altra e strappati alla loro innocenza di bambini. Molti anni dopo però i due si ritrovano: Regina è diventata una vera cercatrice di corallo e il cuore di Achille non ha mai smesso di battere per lei. "La cercatrice di corallo" di Vanessa Roggeri è un pezzo di Sardegna, della sua asprezza e meravigliosa accoglienza, delle montagne brulle e del mare blu intenso che rapisce lo sguardo.

 

 

Home Page | Nuovi arrivi | Regolamento | Scarica elenchi | Pubblicazioni | Concorsi fotografici | Viaggi | Contatti | Mappa del sito | Privacy policy


Torna ai contenuti | Torna al menu